Istituto di Ricerca
per l'Ecologia e
l'Economia
Applicate alle
Aree Alpine
Sistema Regionale
News&Eventi
Formazione > Master Montagna

Battute conclusive per il Master Montagna Europa

Battute conclusive per il Master Montagna Europa

Nato con l’obiettivo di formare i futuri progettisti nelle aree montane, il Master Montagna - “Progettazione per lo Sviluppo Sostenibile in Aree Montane e Politiche per la Montagna dell’Unione Europea” - è oramai giunto alla sua fase conclusiva. Il 4 aprile 2011, al Politecnico di Milano la commissione valutatrice del Master consegnerà il titolo ai 14 allievi che hanno seguito il percorso formativo. In particolare, ogni allievo presenterà il progetto concepito e sviluppato nel corso dell’attività di stage, che rappresenta il frutto delle conoscenze e delle competenze acquisite nel corso dell’anno formativo.

A valle di questo percorso, è opportuno fare un bilancio di questa esperienza, cercando di valorizzare la lezione appresa.

Da una parte è certamente da rilevare l’apertura verso il mondo istituzionale europeo. Il percorso formativo ha infatti previsto tre settimane di studio a Bruxelles che hanno dato una significativa visione e conoscenza delle istituzioni comunitarie. Le istituzioni sono state toccate con mano e conosciute non come organismi lontani ma piuttosto come istituzioni che cercano relazioni e contatti con il mondo locale, seppur con regole e metodi definiti e specialistici, che è fondamentale conoscere per concorrere ai finanziamenti.

Un secondo aspetto degno di nota è certamente quello del forte apprezzamento del Master rispetto alle competenze sviluppate. Tra queste, uno degli elementi emerso con forza nell’esperienza del Master Montagna è l’importanza di una capacità progettuale contestualizzata sulle specificità dei problemi montani. La montagna presenta, anche all’interno di una sola vallata, peculiarità rilevanti, che devono essere riconosciute per poter intervenire con efficacia nei vari settori; e questo è poi particolarmente rilevante se si interviene su temi di tipo trasversale. Un secondo approccio fondamentale è stato quello della progettazione integrata, per rafforzare le idee progettuali attraverso diverse prospettive di intervento; l’idea di base, qui, è che se i progetti della montagna vogliono essere concorrenziali con quelli di aree più forti, devono puntare su interventi “cardine”, in grado cioè di sostenere vari settori. A questo fine si è puntato molto sullo sviluppo di capacità di costruzione di partenariati e reti di progetto, comprendenti soggetti locali ma anche e specialmente di livello europeo. Questo punto rappresenta, soprattutto a livello locale e ancor più a livello montano, un aspetto particolarmente sensibile, in quanto deve riflettere le peculiarità della montagna oltre che le sue fragilità e le sue debolezze. Ciò che emerge, anche dei lavori degli allievi, è l’esigenza di una presenza e un coinvolgimento dei diversi attori che operano sulle problematiche trattate e quindi una capacità rilevante di relazionarsi e di relazionare le figure chiave dei vari ambiti (dal turismo alla conservazione del paesaggio, dall’agricoltura alle imprese locali, etc).

Certamente il bilancio appare positivo e apre le porte ad una nuova possibile edizione del Master, in grado possibilmente di coagulare anche altri territori alpini italiani ed europei.


Visualizza la fotografia


Visualizza la mappa


Per informazioni:
Master Montagna Europa
web: www.master.irealp.it
NewsletterCercaCreditPrivacyLink
© 2011 - ERSAF, via Pola, 12 - 20124 Milano - P.Iva CF: 03609320969